Vento del sud

ragusa

 “La cosa che mi colpisce di più? E’ questo sentirsi attesi. Arrivi dopo un anno e la gente ti fa sentire quanto abbia aspettato il tuo ritorno, quanto abbia voglia di sentire quello spirito nuovo, quel cambiamento che provi a portare”. Per il nostro don Luigi, Gigi, non c’è un momento per disfare i bagagli. Da un viaggio a un incontro, da un corso a un’altra attività è difficile salire sul treno in corsa dei suoi pensieri. Stavolta no. E’ l’effetto di due settimane di incontri, di veglie, di esperienze in Sicilia e in Calabria.


Fa bene andare al sud. Quando ritorni, il vento che hai portato senti che è nulla rispetto a quello che ti riconduce a casa. Accoglienza, quello è il suo nome. “Domenica mattina presto. Nei pressi di Messina il nostro furgone è in panne, ha una ruota a terra. Gli attrezzi che abbiamo con noi non ci aiutano. Stiamo già pensando a una sosta forzata fino al giorno dopo quando si ferma una vecchia utilitaria. E’ un signore del posto. Ci aiuta a riparare provvisoriamente il danno, poi ci accompagna fino al più vicino paese, da un meccanico che conosce. Alla fine paga anche il conto. E se ne va”.

Gigi snocciola volentieri un episodio piccolo perchè dentro c’è l’anima di una terra. Quel signore non ha lasciato nemmeno il suo nome, ma la sera agli incontri vede facce che gli assomigliano. Da Palermo a Catania, da Ragusa a Locri, da Rossano Calabro a Cosenza: cambiano i contesti, ma trovi la stessa vampata di calore. Ed è questa che emerge forte, aldilà delle contraddizioni. Perché quelle ci sono: ci sono luoghi di una bellezza che incanta insieme a quartieri soffocati e invivibili, c’è un popolo gioioso e aperto e c’è la cappa ingombrante della criminalità, nella chiesa ci sono pastori coraggiosi ma anche troppe situazioni ingessate. “E’ una terra meravigliosa ma è anche una terra violentata” sintetizza Gigi. “Ai nostri incontri – prosegue – vediamo una partecipazione vastissima di persone di ogni età: nel quotidiano la gente sente soffocato il proprio slancio e quando si accorge della possibilità di qualcosa che spinge oltre, quanto sente un respiro di autenticità si offre con un entusiasmo che non ha pari”. “Sono partito curioso, ritorno con un tesoro di incontri e di umanità a cui potrò attingere per mesi” aggiunge Stefano Mori, da tanti anni collaboratore della fraternità, che ha partecipato a questo viaggio insieme a don Carlo, a Sandro Milanese e a Gianni Novello.

Non finisce qui. Presto il cammino della veglia punterà verso la Campania, poi in direzione della Puglia. Aumentano sempre le richieste delle città del sud di incontrarci. I chilometri sono tanti. Ma non importa.
“Italia è una parola aperta, piena d’aria”, ha scritto Erri de Luca. L’accoglienza del sud riempie i polmoni nostri. E quelli di tutto il Paese.

Annunci

6 thoughts on “Vento del sud

  1. mitico!!!! questo dia la carica per continuare il cammino e tanti si lasciano contagiare per creare
    esognare “terre nuove” e nuovi approdi di terra nelle proprie città dove i cuori trovano pace e carica per un futuro migliore

  2. Bentornato Gigi, mi riaggancio ai pensieri scritti perche’ entrano dentro e fanno bene al cuore. La speranza che anche nell’incontro con l’altro, nel vivere il quotidiano, anche il piu’ banale, qui nella terra dove viviamo ogni giorno, si cerchi sempre la ricerca del bene, colui che senza chiedere niente in cambio ripara la ruota rotta. E’ una sfida per me ogni giorno ed ogni giorno si raccoglie qualcosa.

  3. E’ sempre un’emozione nuova partecipare alla veglia. Un riprendere fiato, coraggio, fede e speranza. Un sentirsi dentro la Vita. Sentire che non sei solo nel cammino irto di difficoltà. Questa nostra Calabria ti accoglie con cuore di madre. Caro Don Luigi, Gigi, dirti GRAZIE è davvero troppo poco.

  4. CARO GIGI DA NOI VIENI PIù TARDI QUEST’ANNO…ADDIRITTURA A mAGGIO….MA SAPESSI QUANTE PERSONE HANNO GIà CHIESTO DI TE, DELLA VEGLIA, DELLO sPIRITO DI rOMENA….. CHE IL SIGNORE TI BENEDICA GIOIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...