Il testamento di un poeta

agostiE’ un regista, uno scrittore, un poeta, è soprattutto un uomo libero. Si chiama Silvano Agosti e in questo periodo ascolto spesso le sue parole inconsuete. Agosti, in particolare, ricorda alle nostre menti ormai bloccate dai meccanismi e dalle regole della società una verità elementare: “Dovremmo ritrovare la consapevolezza che ciascuno  essere umano è un capolavoro assoluto”. Ma la società che abbiamo costruito impedisce alle persone di esprimersi: i ruoli, i ruoli sociali che ci siamo creati sono, per Agosti, la nostra galera:  “Sei andato a scuola e ti hanno detto “siedi al tuo posto”, e già lì hai smesso di credere che il tuo posto è dappertutto”.
“Sarebbe importante – aggiunge – sostituire l’ossessione che ciascuno ha “a diventare qualcosa o qualcun altro”, con la consapevolezza che ogni essere umano nasce avendo dentro di sé tutto ciò che gli serve”. In un suo libro, si è anche inventato un Paese, la Kirghisia, dove l’uomo ritrova ciò che di più importante ha perduto: se stesso.
Insomma, anche da queste poche note avete capito che si tratta di un personaggio speciale. Stamani ho trovato un suo intervento pubblico in cui legge il suo personale testamento. Sono pochi, intensissimi versi…

Il testamento di un poeta

Lascio i miei versi
a chi li leggerà,
le mie carezze
ai ladri e agli assassini.

Lascio i miei sogni
a chi non trova pace
e le mie lacrime
a ogni donna sola.

Lascio il mio sguardo
a chi crede di aver visto
e i miei sorrisi
alle divinità in declino.

A te, figlio mio,
lascio il mio tempo,
lo smisurato tempo
di chi vive.

             Silvano Agosti

Annunci

4 thoughts on “Il testamento di un poeta

  1. lo conosco da tempo..dal tempo di quei “matti da slegare”che hanno contribuito a fare storia..quella storia. . è un’anima bella e preziosa, un poeta

  2. Calladamente todo voy dejando: pensamientos, corbatas y recuerdos. El cafetal de mi primera aldea muy lejano está ya de mi conciencia. Prosaicamente todo voy dejando: los sueños, los presagios, las veredas. Es poco lo que resta ya en mi mente de lo poco que he visto aparecer. Hasta este sueño ya me está dejando: de tanto andar sobre la misma acera teme que será en ella donde quede. Calladamente todo voy dejando. Todo en mí solamente es ya recuerdo y apenas si recuerdo lo que queda.

    Pablo Mora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...