“La terra è la mia preghiera”

Girolomoni - Terra mia preghieraDomenica prossima a Romena racconteremo il cammino di vita di Gino Girolomoni, il padre dell’agricoltura biologica in Italia. L’occasione sarà la presentazione del libro che ho scritto su di lui “La terra è la mia preghiera” (Edizioni Emi). Sarà un racconto a più voci, cui parteciperanno familiari e amici e che sarà animato da immagini e filmati.
Potranno così emergere i tanti volti di questo personaggio singolare, profetico, di questo contadino della terra e del cielo che ha saputo scrivere un nuovo capitolo nel rapporto tra l’uomo e i prodotti della terra, vissuti alla luce della sua fede. L’appuntamento è per le 15 di domenica, in pieve. Da subito, però è possibile entrare in contatto con la vita di Girolomoni, raccontata nel libro: nella pagina dedicata all’incontro di domenica sul sito di Romena, oppure con  questi due brevi filmati Ringraziamento alla natura  e Madre terra, con testi estratti dal libro.
Ho pensato di aggiungere qui di seguito anche una piccola riflessione sui legami tra Girolomoni e la sua gente e la nostra Fraternità, a margine della prima presentazione del libro, pochi giorni fa, a Montebello, vicino Urbino, nel monastero da lui riportato in vita…

Continua a leggere

Ciao, nonno Silvano

silvano lippi2“Perché? Perché è potuto accadere?” Perché Dio la ha permesso?”
Erano queste le domande che ti infestavano la vita, che ti rubavano il sonno di notte. Perché? Era un interrogativo rabbioso che ti portavi addosso perché era il solo al quale potevi affidare il dolore insostenibile di tutto ciò che avevi visto, per oltre tre anni, nei campi di prigionia e poi di concentramento nazisti. Perchè? Forse lo hai chiesto anche la scorsa notte, per l’ultima volta, prima di consegnare per sempre la tua domanda all’Assoluto.

Silvano Lippi ci ha lasciato dopo 93 anni di una vita intensa e appassionata. Abitava a Sesto Fiorentino, con la sua famiglia. Viveva, in questi ultimi anni, del bisogno di non disperdere i suoi ricordi orribili, perché condividerli era una medicina per lui, e un aiuto, concreto, per gli altri, soprattutto per i giovani.

Continua a leggere