L’infinita pazienza di Ermes

Se avete voglia di pLocandina Ermesarole piene di aria, di vita, e di fede, mi permetto di darvi un consiglio: intercettate libri, scritti, incontri di Ermes Ronchi. Magari venite anche direttamente ad ascoltarlo. Domenica prossima, 8 novembre (ore 15) questo frate-poeta sarà a Romena per un incontro il cui titolo ci è stato suggerito da una sua frase: “Vivere – ha detto – è l’infinita pazienza di ricominciare”.
Se poi avete tre minuti, anche tre soli, dedicateli anche solo al video che trovate qui sotto: è un estratto dell’incontro con Ermes e Marina Marcolini sul tema “Una fede nuda”. Ermes vi riassume i caratteri di fondo sul suo credo: e il riassunto sta in una sola parola: “Credere in Dio vuol dire credere nell’amore”.
Ermes è infatti soprattutto  un uomo innamorato della vita e del vangelo: e questo suo amore ha la capacità di ritrasmetterlo in maniera aperta, appassionata, libera. “La mia fede – sono sue parole – è sapere e sentire di essere dentro una corrente inarrestabile, una energia di vita che mi raggiunge, mi avvolge, penetra, incalza, fa fiorire”. 
In questo tempo di troppe parole, soprattutto di parole che non lasciano traccia, c’è bisogno di chi ci aiuta ad allargare lo sguardo, a guardare la vita nel suo cuore, cioè laddove si può provare a intuirne il senso.

Continua a leggere