“Tempore famis”, un percorso per vivere Romena da casa

Viviamo giorni impensabili. Giorni di isolamento e di preoccupazione. Giorni di vicinanza, col cuore, a chi è più esposto, a chi fatica, a chi soffre.
Ciò che possiamo fare, l’unica cosa che può davvero aiutarci, oltre a rispettare tutto ciò che ci viene richiesto per fronteggiare il virus, è provare a leggere questi giorni dal di dentro, è provare a dar loro un senso e una direzione. Ed è qui che entra in gioco Romena.
La pieve da cui nasce il cammino della Fraternità di Romena fu costruita quasi mille anni fa  in un tempo di carestia.
Ma quel “tempore famis” che i suoi costruttori vollero incidere su un suo capitello, a futura memoria, non voleva solo rammentare ai posteri che la sua origine era in una sofferenza collettiva. Il suo scopo era di mostrare che da quel periodo di fragilità e di fatica poteva nascere uno spazio di autenticità e di bellezza.

Così anche oggi, il peso di questa situazione di preoccupazione e di isolamento può essere sopportato solo se accettiamo di vivere questo periodo con uno sguardo profondo, orientato verso il cuore della vita.

Per questo, mentre lo spazio fisico della pieve e della fraternità resta naturalmente chiuso, abbiamo pensato di tenere invece aperta Romena attraverso gli spazi virtuali.
Ogni giorno pubblicheremo sul sito http://www.romena.it, su questo blog, sui social, pensieri e riflessioni capaci di accompagnarci in questa ricerca di senso. Stiamo interpellando le figure care a Romena che conoscete, sentiremo alcuni compagni di viaggio speciali che hanno animato in passato i nostri incontri, i nostri corsi, i nostri convegni.
Romena resta dunque aperta, online, nel “tempore famis” di oggi. Sperando che dentro questi giorni di fragilità si stiano preparando germogli di futuro.
Il percorso avrà una cadenza quotidiana. Oggi, iniziamo con un pensiero introduttivo che ho scritto e che  potete ascoltare e vedere qui sotto…Un abbraccio, a distanza, ma col cuore.

5 pensieri su ““Tempore famis”, un percorso per vivere Romena da casa

  1. Grazie !!! E’ una meravigliosa iniziativa,viviamola insieme, cercando di uscire un po’ fuori da noi stessi per chinarci sull’altro…Grazie ancora !

  2. Grazie per questo meraviglioso abbraccio. Sentirvi così vicini da una speranza nuova…insieme ce la faremo, e speriamo davvero che questo momento ci insegni a prenderci un po’ di tempo per noi, per alzare gli occhi ad un cielo che guardiamo sempre troppo poco, e per vivere finalmente un po’ del nostro tempo.

  3. Le braccia accoglienti e calde di Romena si allargano anche ora grazie ai media…e gli abbracci sono cura, diceva Giorgio. Le parole hanno una potenza straordinaria, saranno le carezze quotidiane che tanto ci mancano. Una carezza profuma sempre d’amore…

  4. io chiamo questo tempo come assenza-presenza, perchè è sperimentando l’assenza di ciò che forse davamo per scontato che potremo gustare ancor più il vino nuovo. La tenerezza di Cristo non ci abbandona mai e neppure la vostra. Che temiamo? un abbraccio per tutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...