“Tempore famis”, Luigi Verdi e il “Povero tempo nostro”

Il nostro contributo di oggi a vivere questo ‘tempore famis’ ha per protagonista la musica e un artista delle parole, Gianmaria Testa. Un artista che abbiamo sentito tanto vicino allo stile di Romena tanto che poco dopo la sua prematura scomparsa gli abbiamo dedicato un libro, “La voce dei nostri silenzi”. In quest’ultimo anno il nostro  Luigi Verdi ha inserito al cuore dei suoi incontri in giro per l’Italia una sua canzone, “Povero tempo nostro”, una canzone che Gianmaria scrisse poco prima di morire e che è stata diffusa dopo la sua scomparsa.

La canzone è una lettura poetica e profetica dei nostri tempi e anche di quello che viviamo in questi giorni. Il nostro Gigi in questo filmato, prima di farcela ascoltare nell’ispiratissimo video che la accompagna, ce la presenta, spiegandoci perché questa canzone è, per lui, è il ritratto del tempo che stiamo vivendo…

 

2 pensieri su ““Tempore famis”, Luigi Verdi e il “Povero tempo nostro”

  1. Quante PAROLE BESTEMMIATE!
    Sento brividi alla schiena pensando a quanto sono VERE queste DUE PAROLE!
    La BESTEMMIA come nuvola nera che copre il Futuro incerto di figli e nipoti; incombe sul Pianeta azzurro sempre più inquinato e vittima di devastanti Pandemie; minaccia epocali Migrazioni di Popoli interi stremati dalle sofferenze e dagli stenti….
    Oh, mi si stringe il cuore…e le PAROLE ritornano in gola…

    Rita/Nives

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...