“Quello che vorrei dirti…”: Luca Mauceri, artista, ci trasmette a parole il calore di un abbraccio

“Quello che vorrei dirti di più bello
non te l’ho ancora detto”. Luca Mauceri sceglie i versi di Nazim Hikmet per abbracciare a distanza le persone, per colmare lo spazio che si è forzatamente creato in questo periodo di isolamento.
In questo suo intervento per il nostro cammino in “tempore famis” Luca, attore e musicista di straordinaria sensibilità, descrive la fatica della distanza ma anche la forza del desiderio di ritrovarsi: “Io credo che non siamo stati mai così vicini come in questo momento che siamo così lontani e credo che forse dovevamo stare così lontani per sentirci di nuovo così vicini”.
Le sue parole fragranti di vita vogliono provare a trasmetterci la forza tenera e avvolgente di un abbraccio e regalarci una dote di fiducia. “Ne sono certo – dice Luca – torneremo alla vita con occhi nuovi, con mani nuove, con cuori nuovi; ci terremo stretti l’uno nell’altro e ci guarderemo con quello sguardo complice di chi sa che cosa vuol dire essere privati della libertà di stare insieme”.

 

Attore e musicista, da anni Luca Mauceri percorre un personale sentiero di ricerca attraverso musica e teatro. Ha recitato in festival nazionali prestigiosi, collabora con registi quali Guido Ceronetti e Vincenzo Pirrotta. Si è esibito in Francia, Portogallo, Svizzera, Germania, Romania, Svezia. Come musicista vanta la composizione di numerose colonne sonore per teatro, cortometraggi, spot, istallazioni artistiche. E’ autore di tre album. Il suo ultimo spettacolo, da lui stesso scritto e interpretato, si intitola “L’uomo dei sogni”, lo stesso titolo del libro che ha pubblicato con le Edizioni Romena.

2 pensieri su ““Quello che vorrei dirti…”: Luca Mauceri, artista, ci trasmette a parole il calore di un abbraccio

  1. …”Il tempo della memoria…stare dentro le cose…”
    MEMORIA! Sì, MEMORIA!
    Questo tempo sembra giungere quasi per “obbligarci” a fare memoria, a ritornare in noi stessi e a rivedere tutta la nostra esistenza. A confrontarci con le scelte fatte e le azioni omesse…A contemplare la bellezza raccolta e quella calpestata…
    Sembra un tempo offerto, sembra una chiamata ad un risveglio, sembra un’occasione da non lasciarsi scappare. Sì, a primavera si deve potare, e questa primavera ci invita a “potare” i “viticci inutili”, (come li chiamava Il Patriarca Roncalli, che mi Cresimato).

    Finito questo tempo del coronavirus forse ci scopriremo diversi da come eravamo.
    Dal più giovane al più anziano non ci riconosceremo più, né tra di noi né guardandoci allo specchio.
    Saremo più liberi, determinati, convinti a ricostruire ? E da tante macerie?
    Tanti di noi sceglieranno di percorrere altre vie prima impensabili.
    Impareremo a distinguere il valore delle cose, dei sentimenti e delle emozioni. Guarderemo più da vicino realtà che avevamo scelto di insabbiare, rimuovere o semplicemente rinviare.
    La natura gridava aiuto ma…ancora per molti non era il tempo giusto. Milioni di fratelli morivano appena fuori dalle nostre case, ma sempre ci sentivamo impotenti e così si delegava…

    Quando sono nata i miei genitori vivevano un entusiasmo…
    Avevano appena scoperto dentro di loro un seme rimasto imprigionato nel fango della guerra. Seme sopravvissuto ai morsi della fame, del gelo e della paura, ma rimasto vivo, fecondo e pieno di vigore, e che piano piano veniva alla luce, animando meravigliosamente di novità la vita.

    Forse anche noi, dopo la “memoria” e l’esperienza, rinasceremo in un nuovo entusiasmo e desiderio di novità e vita.

    Rita/Nives

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...