“Tempore famis”, l’intervento di Franco Arminio: “Rimettere al centro il sacro”

E’ una delle voci più ispirate e profonde che abbiamo ascoltato in questi mesi di emergenza. Franco Arminio, scrittore e poeta tra i più amati nel nostro Paese, ci ha inviato la sua testimonianza in “tempore famis”.
Nel suo intervento Arminio evidenzia ciò che lo ha più toccato del dramma che stiamo vivendo: “Mi ha molto ferito il fatto che si muore senza funerali. Trovo scandaloso che si muoia senza almeno immaginare un rito alternativo: come si va al supermercato, si potrebbe andare a omaggiare un defunto dentro una bara con tutte le norme rispettate”.

Questa attenzione all’uomo, al valore di ogni vita, in tutti i suoi passaggi si rispecchia anche in ciò che Arminio pensa, guardando al futuro, al dopo-emergenza. “Il virus si è avventato su una società sfinita, spiritualmente moribonda. Ed è da qui che dobbiamo ripartire. Dal sacro. Dobbiamo rimettere al centro nella vita di ciascuno, nelle nostre piccole comunità il senso del sacro”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...