Giorgio Mazzanti e la poesia della vita

Sale alto sulle colline di Scandicci il campanile di Giogoli. Come un braccio alzato, come un invito. Se ti avvicini trovi auto insinuate in ogni spazio tra gli olivi che ammantano la collina.  Se entri trovi un prete che parla e fa parlare, e un abbraccio accogliente, che sa di casa”.
Ho cercato questo articolo scritto una decina di anni fa per la nostra rivista per ritrovare di nuovo quel prete, Giorgio Mazzanti, e per salutarlo.
Don Giorgio se n’è andato oggi da questi passi terreni dopo aver passato una vita a mescolarli con quelli divini, cercando tutte le connessioni possibili tra gli uni e gli altri.

Insegnava teologia all’Università, ma era anche anima di una comunità aperta, accogliente che lui coinvolgeva sempre, in ogni frangente di vita: indimenticabili il suo transitare su ee giù per la chiesa durante la messa per porgere il microfono a chiunque volesse esprimere un pensiero,

Era un uomo intelligente, aperto, comunicativo, sensibile: è stato un grande riferimento per un popolo variegato di persone in cammino. Tanti amici di Romena spesso frequentavano la chiesa di Giogoli e viceversa: questo travaso sano e nutriente, faceva bene a tutti, permetteva di alimentarsi di vita e di speranza da fonti diverse, ma intimamente vicine.

Giorgio per molti anni ha anche accompato tanrtissime giovani coppie nel lopro cammino d’amore verso il matrimonio. Nell’articolo che ho citato mi raccontava proprio di quei percorsi di incontro: “Io credo – diceva – che l’innamoramento sia la percezione della dimensione profonda di se stessi e dell’altro. Questa conoscenza intima, profonda, vera, è necessaria perché l’amore possa esprimersi e consentire a ciascuno di espandersi nella totalità del potenziale che ha dentro. Perché, questo è il fine dell’amore, la tua donna, il tuo uomo, ti deve portare alla piena realizzazione di te stesso”.

Da anni conviveva con un ospite terribile, la Sla. La malattia gli aveva subito rubato il bene che, più degli altri, gli permetteva di essere vicino a tutti, la parola. E allora era sceso ancora più nel profondo di sè stesso per un faccia a faccia ancora più profondo con le grandi domande del vivere. Ora che non parlava scriveva, versi soprattutto.

Il nostro Gigi, appresa la notizia, mi ha invitato a condividere con tutti voi una poesia che Giorgio gli aveva inviato pochi mesi fa. Ultimamente dialogavano così, trasmettendosi poesie via e-mail.
Leggere questa bellissima poesia è un modo per continuare ad ascoltare la sua voce, la
voce di un uomo pieno di luce.

 

Sciogli il giudizio

nessuna durezza

serve, né di cuore

né di testa, neppure

di santità:

nessuna rigidezza

salva, nessuno sguardo

sprezzante;

sciogli in fiocchi di neve

ogni più duro calcolo

minalo da dentro

in misericordia:

ha sempre la meglio

la ferita sconfigge

un cuore di lacrime

smonta costruzioni

di orgoglio

fa crollare

ogni moloch fragile

nella sua alta apparenza

una fralezza interna

abita l’uomo,

solo sullo scoglio

duro della tenerezza

trova salvezza

e canta di gioia.

(ritrovata).

                         Giorgio Mazzanti

Un pensiero su “Giorgio Mazzanti e la poesia della vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...