Tempore famis, Pier Luigi Ricci e il valore della solitudine

Ci sono condizioni e limiti di questo tempo di isolamento che possiamo provare a utilizzare per fare cose che di solito non facciamo: per esempio dedicare un po’ di tempo a stare con noi stessi. E’ la proposta che ci rivolge il nostro Pier Luigi Ricci, educatore e collaboratore storico di Romena.
“Imparare a stare con noi stessi vuol dire accettarsi, convivere con noi per renderci conto che possiamo bastarci. Perchè, ricordate, chi riesce a star bene con sé riesce a star bene anche con gli altri”.

Un pensiero su “Tempore famis, Pier Luigi Ricci e il valore della solitudine

  1. Non dimenticate che c’è anche chi deve continuare a lavorare da casa e abita solo… Non hai spazi liberi o pochi e li usi per dormire perché sei ko

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...